La nevicata del 23 febbraio 2005
RIEPILOGO - La giornata di neve del 23 febbraio 2005 rientra in un contesto di più giorni perturbati e nevosi, in cui la spinta verso nord dell'anticiclone azzorriano ha consentito l'afflusso di aria artica marittima dalla Scandinavia verso l'Italia e la creazione di un minimo di bassa pressione a ridosso dell'Italia centrale. Sia i giorni precedenti che i giorni successivi hanno visto cadere la neve in molte regioni del centro-nord(Emilia e basso Veneto in primis) fino al piano. Nelle Marche, Romagna, Umbria e Toscana i giorni in questione sono stati caratterizzati da pioggia e pioggia mista a neve in pianura, e da neve anche moderata dai 300-400 m in sù. Il 23 febbraio la pioggia si è trasformata in neve accumulando diversi cm in poche ore, soprattutto in Romagna e nelle Marche. A Fossombrone la neve ha raggiunto i 15 cm, sui complessi montuosi e collinari limitrofi(vedi Cappuccini e Cesane) fino a mezzo metro.


 
Fenomeni
Ora
T
Accumulo parziale
Accumulo finale
Neve moderata-forte
Dalle 1.00 circa alle 7.00
+1
5 cm
5 cm
Neve forte-bufera
Dalle 7.00 alle 11.30
-1/-0
8-10 cm
13-15 cm
Neve debole intermittente
Dalle 11.30 alle 14.00
+0/+1
Nessun accumulo
13-15 cm
Alternanza di neve debole e pioggia mista a neve
Dalle 14.00 alle 17.00
+1/+2
Nessun accumulo
13-15 cm
Nuvoloso, assenza di fenomeni e fine della nevicata
Dalle 17.00 alle 24.00
+2
/
13-15 cm
Riassunto dell’evento
Dalle 1.00 alle 17.00
Tra -1 e +2
5 cm + 8/10 cm
13-15 cm

- ALCUNE FOTO -

Viale della Repubblica: 23 febbraio, ore 9.30
San Martino del Piano: 23 febbraio, ore 10.45
Località Le Mosse: 23 febbraio, ore 10.00