Gli articoli di Fossombronemeteo
Articolo del06/01/2016
06 GENNAIO 2016 - INASPETTATA EPIFANIA INNEVATA SULLE CESANE
-
Un evento inaspettato e fugace quello accaduto nel giorno dell'Epifania 2016. In seguito ad una saccatura nord-atlantica è andata a crearsi una blanda bassa pressione a ridosso dell'Alto Adriatico in grado di richiamare correnti fredde da nord e di recare un abbassamento delle temperature in quota (0/-1 a 850 hPa). Tali isoterme, unite alle deboli-moderate precipitazioni, hanno riversato al suolo il freddo giunto in quota, abbassando via via la quota neve fino alla medio-bassa collina. Infatti, mentre in mattinata la quota neve si è attestata sui 500 m circa (con primi fiocchi a Urbino, Cesane, Frontone e fondovalli appenninici), in tarda mattinata un aumento delle precipitazioni ha abbassato considerevolmente le temperature alle basse quote attestando la quota neve sui 400 m, ma con temporanei sconfinamenti "nevosi" anche a quote decisamente più basse; ha nevicato nell'entroterra recando un velo di neve al suolo a Fermignano, Acqualagna, Urbania, Sant'Angelo in Vado, Mercatello sul Metauro e anche sulle colline  come Sant'Ippolito, Fratte Rosa, Barchi, Sorbolongo. Neve pura è scesa perfino a Fossombrone (senza accumulo di neve, 22 mm liquidi). Sui rilievi sopra i 500 m (Urbino, Frontone, Cesane), a fine evento (terminato nel pomeriggio) si contano 5-10 cm mentre oltre i 1000 m (Nerone, Catria, Carpegna, Paganuccio) sui 20-25 cm.